Scherma

Il nostro amore per questo antichissimo sport è nato nella nostra città "Ferrara" che ospitare "L'Accademia di Scherma G.Bernardi" dove si allenano strenuamente giovani atleti dalle brillanti prospettive. Il loro impegno, la loro passione ed anche i loro brillanti risultati, ci hanno fatto appassionare ad uno sport che ha origini antiche ma che con la sua eleganza e la sua raffinatezza affascina i tempi moderni.
Ferrara citta' di grandi colpi di spada. Lo sostiene nel 1360, il marchese Aldobrandino d'Este. E' tanto vero che nel cinquecento nella strada degli Spadari le botteghe artigiane sono buone manifatturiere di armi. Esemplari costruiti alla corte d'Este , giungono fino a Londra. La Scienza della Scherma è dunque conosciuta e praticata da sempre, ma è nel 1803 -sotto la guida del maestro Giuseppe Giuliani Bolognini - che nasce a Ferrara una scuola vera e propria . Ed è nel 1848 che la scherma inizio' a fare capolino tra le attivita' ludico sportive. Il 18 giugno del 1854, con l'accademia di sciabola, spada e bastone nasce un circolo (Oggi diremmo società).
Nell'ottobre del 1868 sulla Gazzetta Ferrarese il presidente Luigi Frassoldati comunica sulla che il generale Giuseppe Garibaldi accetta la nomina di presidente onorario del Circolo. La conclusione vittoriosa del Risorgimento, la coscienza di possedere qualita' guerriere, l'esempio e la parola dei padri, fanno si' che la scherma occupi il posto d'onore nell'educazione dei giovani. Fioccano le gare, ma anche i duelli (27 in un anno). Dal 1870 al 1915 il Circolo attraversa un periodo aureo, grazie all'importanza delle manifestazioni e all'efficacia della scuola: il 7 gennaio del 1891 si aggrega alla Societa' dei Negozianti.
La terza generazione di tiratori concittadini puo' anche vantare un campione autentico: Carlo Gandini, che nell'aprile 1905 vince le finali per la partecipazione alle Olimpiadi di Atene e viene proclamato campione italiano. Ad Atene, Gandini sara' secondo nel fioretto per maestri. Un altro riconoscimento di prestigio arriva nel giugno del 1910, Giuseppe Agnelli saluta la citta' nel "nome di Andrea da Ferrara" inventore della spada flessibile".
Il Circolo ha sede in castello , diventa un punto di ritrovo per la Ferrara bene. La prima guerra mondiale spezza l'incantesimo.